Perché non riesco a dimagrire ? Scopriamolo insieme

Se anche tu sospiri davanti allo specchio o sopra la bilancia, ti disperi e chiedi a te stessa: “Perché non riesco a dimagrire?” sei capitata proprio nel posto giusto. In questo articolo vogliamo parlare proprio di questo problema che spesso ti fa perdere il buonumore! E non sei la sola…

La cattiva informazione, spesso divulgata dai passaparola, dai mass media e anche dalla rete, fanno commettere degli errori grossolani che si potrebbero tranquillamente evitare e che ci farebbero anche vivere meglio.

Commettendo questi errori (orrori!) a tavola e fuori dalla tavola ci costringiamo spesso a diete incredibili, a mangiare pochissime calorie e via dicendo, senza un motivo di salute importante che lo richieda.

Gettare al vento mesi di sacrifici perché ti senti demoralizzata sarebbe un vero peccato, quindi segui queste regole e vedrai che i risultati arriveranno!

Non riesco a dimagrire anche se salto i pasti

Per l’appunto: non lo devi mai fare! A meno che tu non ti stia riprendendo da una brutta influenza intestinale, saltare i pasti è una delle peggiori azioni che tu possa fare al tuo organismo.

Il metabolismo basale, così facendo, va via via rallentando e… sorpresa! Non riesci più a buttare giù nemmeno un grammo di peso corporeo!

Il tuo cervello si mette in modalità ‘carestia’ e va a bloccare tutte le funzioni di smaltimento di grassi e tossine, al fine di tenere tutto in circolo, per i tempi difficili. Ogni pasto è importante, e la tua giornata ne deve comprendere cinque: colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, merenda e cena (possibilmente leggera). Se decidi di saltare uno o più pasti, rischi di arrivare alla sera affamata come un lupo; ti divorerai così un milione di calorie che, a quel punto della giornata, non ti serviranno a nulla, se non a depositarsi sui cuscinetti adiposi che tanto vuoi sconfiggere.

Quindi ricorda: MAI saltare i pasti.

Non riesco a dimagrire anche se mangio solo alimenti privi di grasso

non-riesco-a-dimagrireEcco, innanzitutto sfatiamo questo mito: non è vero che tutto il grasso sia dannoso e che tutto il grasso vada a depositarsi sull’interno coscia! Ogni donna dovrebbe assumere, nella totalità delle calorie giornaliere, almeno il 20% di lipidi. Non sono tanti e non sono pochi. Sono la giusta quantità per fare in modo che tutti i processi ormonali funzionino a dovere. Nella donna più che nell’uomo. Con pochissimi grassi, ad esempio, potremmo notare delle modifiche al ciclo mestruale. Esso, infatti, potrebbe saltare, essere scarso o troppo abbondante.

I lipidi nei cibi sono diversi tra di loro; in particolare medici, studiosi e nutrizionisti li suddividono in grassi buoni e grassi cattivi.

I grassi buoni sono classificati come INSATURI (monoinsaturi e polinsaturi) che sono composti da catene di legami di atomi di carbonio. Essi stimolano il metabolismo e ci fanno addirittura dimagrire più rapidamente! Pensa, proprio quei grassi che tu hai totalmente eliminato dai tuoi piatti quotidiani.

I grassi definiti cattivi sono quelli SATURI, ma c’è da dire che anche in questo caso, non sono tutti da eliminare, perché quelli a catena media donano molta energia, ancor di più dei carboidrati e possono essere davvero utili a tutte le persone che hanno problemi digestivi e di assimilazione dei nutrienti. Essi si trovano soprattutto nell’olio di mandorle, nell’olio di cocco e in quello di palma (tanto denigrato forse senza motivo).

Ma dove trovare, invece, i grassi buoni? Essi sono contenuti soprattutto in questi alimenti:

  • avocado
  • pesce
  • carne bianca
  • olio EVO
  • frutta a guscio

Mangio pochissimo e non riesco a dimagrire!

Questo assomiglia parecchio all’atteggiamento del punto 1. Saltare i pasti oppure ridurre le quantità di cibo a qualcosa di ridicolo vanno a limitare il lavoro fatto dal nostro metabolismo. Il risultato sarà un dimagrimento pari a zero se non addirittura il rischio di ingrassare. Noi dobbiamo impegnarci a mangiare regolarmente e con un numero di calorie adeguato.

Vuoi qualche esempio? Una donna adulta in salute, di media altezza e con un’attività fisica leggera o inesistente dovrebbe mangiare ogni giorno, per dimagrire, tra le 1500 e le 1700 kcal. Per capirci in termini pratici, queste calorie corrispondo a dei pasti pressoché normali, evitando però i dolci, lo zucchero nel caffè e gli alcolici. Già questo basterebbe per vedere qualche risultato.

Ovviamente, ognuno di noi ha degli obiettivi, che devono essere perseguibili e non delle chimere, ma che potrebbero prevedere un numero limitato di giorni o di mesi per dimagrire un certo numero di chili. Il tipico esempio potrebbe essere un matrimonio in vista… la sposa in genere punta a dimagrire almeno 5 kg prima di indossare il suo bellissimo abito bianco.

Se però al fatidico giorno manca solo un mese, rischi davvero di farti del male. Preferisci piuttosto due o tre chilogrammi, evitando di privarti di troppe calorie. Rischieresti uno svenimento davanti all’altare!

Odio lo sport! E’ per questo che non riesco a dimagrire?

non-riesco-a-dimagrireBeh, ti sei un po’ risposta da sola… cercare di smaltire i chili in eccesso solamente con la dieta e senza muovere un dito… diventa un’impresa davvero ardua e insostenibile, a lungo andare.

Cerca invece di applicarti a qualcosa che ti possa, anche lontanamente, piacere… se ti piace stare in piscina in ammollo, ecco che l’acquagym potrebbe fare al caso tuo; ovviamente non si tratta di stare in ammollo, ma quello lo puoi fare prima o dopo… anche lo spinning eseguito sott’acqua è un’attività divertente e adatta a chi ama la piscina.

Ti piace camminare? Bene! Allora non dovrai nemmeno spendere dei soldi.. la natura ti regala numerose camminate da fare all’aria aperta! Anche se abiti in città ci saranno sicuramente alcuni parchi da sfruttare. Se invece è inverno e ci sono 0 gradi, forse il tapis roulant in palestra può essere la soluzione vincente!

Amo lo sport! Ma non riesco a dimagrire lo stesso…

Se invece sei un’appassionata di atletica, o nuoto, sedute estenuanti in palestra e di tutto ciò che preveda del movimento e dell’attività fisica, sicuramente non avrai tanti chilogrammi da smaltire! Se però ti sei intestardita nel dover perdere quei due chiletti proprio dalle cosce e dal lato B, allora potresti essere in lotta continua con la bilancia. Quando una persona sportiva cerca di dimagrire, i risultati sulla bilancia in genere tardano ad arrivare. Ma non perché sia ingrassata, ma perché i muscoli pesano più del grasso e se quella persona ha aumentato il livello degli allenamenti per stimolare la riduzione dei lipidi, spesso la bilancia potrebbe ingannare.

Prova, invece, a misurarti con il classico centimetro da sarta: potresti davvero rimanere stupefatta dai centimetri persi!

Mi rendo conto di bere poco, non riesco a dimagrire per questo motivo?

Si, potresti aver fatto centro. Il dimagrimento potrebbe essere rallentato proprio dalla mancanza di liquidi nell’organismo. Un continuo scambio di liquidi è il modo migliore per essere in forma e in perfetta salute. L’organismo non deve mai avere la sensazione di essere in deficit di qualcosa, sia esso cibo oppure acqua. Deve avere il minimo indispensabile per sopravvivere e per svolgere tutte le funzioni più importanti.

Quindi ricordati di bere circa due litri al giorno; puoi anche abbinare all’acqua le minestre, le tisane, i succhi di frutta e via dicendo. Occhio però agli zuccheri aggiunti!

Le donne hanno anche il problema della ritenzione idrica, quella che poi fa scatenare la simpatica cellulite. Per prevenire questo disturbo frequente, la soluzione migliore è proprio quella di bere tantissimo. Il corpo sarà stimolato a smaltire le tossine e i liquidi in eccesso.

Da quando sono in menopausa non riesco più a dimagrire

non-riesco-a-dimagrireBeh, qui c’è poco da dire: la menopausa è una problematica incredibile soprattutto per chi vuole mettersi a dieta. L’ideale sarebbe cercare di dimagrire in vista della menopausa e non quando si è già palesata. Questo in un mondo perfetto…. nel nostro di mondo, invece, è normale che una donna di 50 anni decida di mettersi a dieta… ma la menopausa non aiuta, purtroppo.

Gli estrogeni calano di numero e l’alimentazione seguita fino a poco tempo prima potrebbe improvvisamente farsi pesante, difficile da digerire e da smaltire. Il corpo, purtroppo, consuma di meno e il metabolismo, a poco a poco, rallenta.

Ci sono degli accorgimenti da applicare alla vita quotidiana, però, che possono aiutare anche la donna in menopausa:

  • smetti subito di fumare
  • evita il burro e lo strutto
  • consuma olio EVO
  • evita i fritti e gli alcolici
  • bevi tanto
  • fai qualche passeggiata o prova il pilates
  • riduci il sale nei piatti
  • mangia la verdura ma non esagerare con la frutta, che regala tanti zuccheri

Anche in menopausa potrai vedere dei risultati e piacerti nei tuoi abiti nuovi!

Conclusione

Come avrai capito, i motivi di uno stallo del peso possono essere tra i più svariati… e quindi quando dici a te stessa ‘Non riesco a dimagrire!’ devi analizzarti e cercare di capire quale errore tu stia commettendo in quel momento della tua vita. Ecco qui riassunti i concetti fondamentali di una vita sana:

  • bevi molto
  • pochi fritti
  • non essere sedentaria
  • non saltare i pasti
  • misura i centimetri e non fissarti con la bilancia
  • prediligi i cibi semplici
  • riduci il sale

Cerca di stilare una dieta che comprenda tutti gli alimenti per attingere ai nutrienti fondamentali senza mettere mai il corpo in uno stato di deficit. Per qualsiasi dubbio, consulta il tuo medico.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply